Cessione di azienda o di ramo di azienda

Photo by Markus Spiske temporausch.com on Pexels.com

23 marzo 2018 – agg. 30 settembre 2019

Si espongono, di seguito, le principali casistiche e i relativi profili fiscali in tema di cessione di azienda o di ramo di azienda.

 

Cessione di azienda: Società di persone, società di capitali e imprenditore individuale (con più aziende)

L’articolo 86 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) disciplina le plusvalenze derivanti da cessioni a titolo oneroso di azienda o di ramo di azienda. L’articolo 86 specifica che la plusvalenza è determinata dalla seguente differenza:

 + Corrispettivo conseguito  – Oneri accessori di diretta imputazione  – Costo non ammortizzato

La plusvalenza derivante della cessione d’azienda a titolo oneroso può essere assoggettata a:

  • Tassazione ordinaria, interamente nell’esercizio in cui è realizzata;
  • Tassazione in un massimo di cinque quote costanti, qualora l’azienda ceduta sia posseduta da almeno tre anni.

 

Cessione di azienda: Imprese individuali (unica azienda)

Nel caso di plusvalenze conseguite da imprenditori individuali, quando la cessione ha per oggetto un’azienda o ramo di essa, le plusvalenze conseguite possono essere assoggettate a:

  • Tassazione ordinaria, interamente nell’esercizio in cui è realizzata;
  • Tassazione separata, solo se ricorrono le seguenti condizioni:
    • che ne sia fatta apposita richiesta nella dichiarazione dei redditi
    • che l’azienda sia posseduta da più di cinque anni.

 

Cessione di azienda: I regimi agevolati 

Ai sensi dell’articolo 1 della Legge 244/2007, per i contribuenti cosiddetti minimi, nella determinazione del reddito imponibile, occorre tener conto di tutti i componenti positivi e negativi che assumono rilevanza;pertanto concorrono alla formazione del reddito anche:

  • le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all’esercizio dell’impresa o arte/ professione;
  • le sopravvenienze attive e quelle passive.

Eventuali plusvalenze derivanti da cessione di azienda o ramo di azienda concorrono dunque al computo della soglia massima di ricavi/compensi richiesta dal regime (30.000,00 euro) e, al pari di ricavi/compensi di altra natura, sono tassate con l’imposta sostitutiva prevista dal regime.

La tassazione è ovviamente subordinata alla circostanza che il corrispettivo della cessione sia stato effettivamente incassato, vigendo, anche per le plusvalenze, il criterio di cassa.

Diversamente viene invece disposto per il regime forfetario introdotto dalla legge di stabilità 2015, come chiarito dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 10E del 2016.

La disposizione dedicata alla determinazione del reddito imponibile infatti non contiene alcun riferimento al trattamento fiscale riservato alle plusvalenze e alle minusvalenze,e tale mancato richiamo deve essere interpretato, sempre secondo l’Agenzia delle Entrate, in un’ottica di maggiore semplificazione.

Dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 10E del 2016:

“Il comma 64 (che si riferisce alla formazione del reddito imponibile nel regime forfetario, ndr) richiamato al precedente paragrafo non contiene riferimento alcuno al trattamento fiscale riservato alle plusvalenze e alle minusvalenze – la cui imponibilità era,invece, espressamente prevista nei precedenti regimi dedicati ai contribuenti di minori dimensioni dall’articolo 1, comma 104, della legge n. 244 del 2007.La mutata lettera della norma, in un’ottica di maggiore semplificazione,consente di ritenere che le plusvalenze e le minusvalenze realizzate effettuate in corso di regime non abbiano alcun rilievo fiscale, anche se riferite a beni acquistati negli anni che hanno preceduto l’adozione del regime forfetario. Inoltre, non assumono rilevanza neppure le sopravvenienze sia attive che passive.”

Si ritiene pertanto che, nel regime forfetario, eventuali plusvalenze derivanti da cessione di azienda o ramo di azienda NON concorrano al computo della soglia massima di ricavi/compensi richiesta dal regime (variabile in base al tipo di attività svolta) e, di conseguenza, NON siano soggette ad alcuna tassazione.

 

 

Call Now Button